Newton 130 AZ - EQ Avant

Newton 130 AZ - EQ Avant

Vendo telescopio AZEQ Avant riflettore Newton da 130 mm di apertura su montatura AZ - EQ Avant. Inclusi 2 oculari da 10 e 20 mm e treppiede d'alluminio regolabile.

280 €

Audi A4 3.0 avant scala 1/87 serie limitata

Audi A4 3.0 avant scala 1/87 serie limitata

Modellino in scala 1/87 Audi A4 3.0 avant, originale Audi collection, evento del 2010

19 €

Calendario Max 1990 Helmut Newton

Calendario Max 1990 Helmut Newton

Calendario 1990 di Helmut Newton per la rivista "MAX" in perfette condizioni.

20 €

Cucchiaio (1) - Legno massiccio - Dan basa 45 cm - Dan bassa - Africa Occid …

Cucchiaio (1) - Legno massiccio - Dan basa 45 cm - Dan bassa - Africa Occid …

"The dan spoon bass was a source of inspiration among the avant-gardes of the early 20th century

150 €

La conquista del Messico Prescott

La conquista del Messico Prescott

La conquista del Messico Prescott prezzo EUR.4,00 Grandi tascabili economici Newton Firenze (FI)

4 €

Turboreattore KJ66

Turboreattore KJ66

Causa abbandono dell'attività aeromodellistica,vendo a trattativa privata turboreattore KJ66 spinta 75 Newton nuovo per aeromodello di grandi dimensioni, e grande elicottero jR Carbon F4 completo di motore a scoppio, nuovissimo, completo di radiocomando PC M10 computerizzato.Vendo in blocco o distintamente.

Danubia 114mm/900 made in Japan

Danubia 114mm/900 made in Japan

Bellissimo e performante telescopio newton, da collezione. Niente a che vedere con i telescopi cinesi odierni. Osservazioni proficue di Luna e pianeti. Con accessorio adattatore a pochi euro potrete fare fotografie astronomiche. Il telescopio è completo, ottima scuola per giovani appassionati. Whats app 3207952308 Ps ,Il telescopio ha effettuato bellissime foto della congiunzione Giove-Saturno allegate all'annuncio.

120 €

France / Francia_Grand Est 2 cartoline b/n FP GE#04

France / Francia_Grand Est 2 cartoline b/n FP GE#04

France / Francia_Grand Est 2 cartoline b/n FP GE#04 France / Francia - 2 cartoline a b/n Formato Piccolo, 8,9 x 14 cm circa viaggiate e non (come da foto) * Sermaize-les-Bains (Avant le bombardement) - L'Eglise, XI siecle 1916 ca. * VITTEL. - Eglise anglaise et Villa Lucie. - LL. le cedo in blocco a buon prezzo Possibilità di spedizione in tutta Italia. Se interessati contattarmi all'indirizzo mail

Artigianato Militare ,Legione Straniera anni 70

Artigianato Militare ,Legione Straniera anni 70

Modellini vetture , artigianato militare carceri legione straniera, fatti con lamierino riciclato di barattoli, ruote funzionanti che scorrono. Lunghe da 16 a 18 cm Fine anni 60 primi anni 70 Ben fatte , con segni del tempo , e magari qualche particolare mancante o difetti . 3 modelli, secondo mia interpretazione : R4, Diane2, e l'altra sembra una Traction Avant Ideale visione con poi il ritiro , ma se devo spedire non accetto resi ,calcolare 9/10 euro in piu'

45 €

Orologio militare RUSSO

Orologio militare RUSSO

Orologio militare RUSSO. Perfetto. Automatico e carica manuale, non a pile ! Originale, nuovo, fine anni '60 Ricevuto molto prima della Perestrojka. Russische Militäruhr. Perfekt. Automatische und manuelle Wicklung, nicht batteriebetrieben ! Original, neu, Ende der 1960er Jahre Lange vor Perestrojka erhalten. Montre militaire russe. Parfait. Remontage automatique et manuel, non alimenté par batterie ! Original, nouveau, fin des années 1960 Re u bien avant la perestroïka. RUSSIAN military watch. Perfect. Automatic and manual winding, not battery operated ! Original, new, late 1960s Received long before Perestroika.

90 €

Orologio militare RUSSO

Orologio militare RUSSO

Orologio militare RUSSO. Perfetto. Automatico e carica manuale, non a pile !! Originale, nuovo, fine anni '60 Ricevuto molto prima della Perestrojka. Russische Militäruhr. Perfekt. Automatische und manuelle Wicklung, nicht batteriebetrieben !! Original, neu, Ende der 1960er Jahre Lange vor Perestrojka erhalten. Montre militaire russe. Parfait. Remontage automatique et manuel, non alimenté par batterie !! Original, nouveau, fin des années 1960 Reçu bien avant la perestroïka. RUSSIAN military watch. Perfect. Automatic and manual winding, not battery operated !! Original, new, late 1960s Received long before Perestroika.

90 €

Depliant- brochure auto classiche

Depliant- brochure auto classiche

GAMMA RENAULT 1968.R4 R8.CLIO.NSU PRINZ.FIAT panda. 850.131.132GLS.PUNTO.DUNA.FIAT 130 CARTELLA COMPLETA GRANDE FORMATO.FIAT CROMA.RITMO 105TC.FIAT 1300 1500. NUOVA REGATA.ARGENTA.AUDI 60L.CITROEN GS.MEHARI.DYANE.LN.ROVER 100.200.MERCEDES 350SE.350SEC.500SEC.200D 240D 300D.TALBOT 1980.SIMCA 1000.LANCIA BETA TREVIJAGUAR XJS ANNI 90.XJ 12 CILINDRI XJS 3600.XJ SC V12.XJ6.EXECUTIVE.SOVEREIGN..OPEL KADETT ANNI 80.FORD ESCORT ANNI 80.PEUGEOT 104 204 106.DE TOMASO LONGCHAMP CATALOGO RICAMBI ORIGINALE.GUARA.MANGUSTA.INNOCENTI J4.FIAT SEICENTO.MERCEDES BENZ CLASSE S.CLK COUPÉ. SAAB 900 BERLINA CABRIO TURBO.AUDI A4 BERLINA E AVANT.AUDI TT ROADSTER.ALFA ROMEO MITO GIULIETTA QUADRIFOGLIO.

Sabot da casino' - Raro - anni'70

Sabot da casino' - Raro - anni'70

Sabot da casino' - Raro - anni'70 Dal Negro. Originale con marchio precedente all'acquisizione da parte di ditta cinese. Primi anni '70. Eventuale ritiro a mano. Al miglior offerente a partire da 140,00 euro Casino sabot - Rare - 1970s Dal Negro. Original with trademark prior to acquisition by a Chinese company. Early 70s. Possible withdrawal by hand. To the highest bidder starting from 140.00 euros Sabot de casino - Rare - années 1970 Dal Negro. Original avec marque déposée avant acquisition par une société chinoise. Début des années 70. Retrait possible à la main. Au plus offrant à partir de 140,00 euros Casino Sabot - Selten - 1970er Jahre Dal Negro. Original mit Warenzeichen vor dem Erwerb durch ein chinesisches Unternehmen. Anfang der 70er Jahre. Möglicher Rückzug von Hand. An den Meistbietenden ab 140,00 Euro

140 €

LP originale: Mezz Mezzrow - At His Best

LP originale: Mezz Mezzrow - At His Best

Mezz Mezzrow - At His Best Etichetta: Napoleon NLP 11019 Formato: Vinyl, LP, Compilation Paese: Italy Uscita: 02 May 1973 - Genere: Jazz A1 Sendin' The Vipers A2 Apologies A3 Thirtyfift & Calumet A4 Old Fashioned Love A5 A Melody From The Sky A6 Lost B1 Mutiny In The Parlor B2 The Panic Is On B3 Blues In Disguise B4 Hot Club Stomp B5 That's How I Feel Today B6 The Swing Session Called To Order Alto Saxophone - Benny Carter (tracks: A1 to A4), Mezz Mezzrow (tracks: A1 to A6, B1, B2) Bass - John Kirby (tracks: A1 to A4), Pops Foster (tracks: B3 to B6), Wellman Braud (tracks: A5, A6, B1, B2) Clarinet - Mezz Mezzrow Drums - Chick Webb (tracks: A1 to A4), George Stafford (tracks: A5, A6, B1, B2), Jimmy Crawford (tracks: B3 to B6) Guitar - Albert Casey* (tracks: A5, A6, B1, B2), Bernard Addison (tracks: B3 to B6) Piano - Willie "The Lion" Smith (tracks: A1 to A6, B1, B2) Tenor Saxophone - Bud Freeman (tracks: A1 to A6, B1, B2) Trombone - Floyd O'Brien (tracks: A1 to A4), J.C. Higginbotham (tracks: B3 to B6) Trumpet - Chelsea Quealey (tracks: A1 to A4), Frank Newton (tracks: A5, A6, B1, B2), Max Kamisky* (tracks: A1 to A4), Romuald Jones* (tracks: A1 to A4), Sy Oliver (tracks: B3 to B6) Vocals - Lucille Stewart (tracks: A5, A6, B1, B2) Note A1 to A4 recorded in New York - May 7, 1934 A5, A6, B1, B2 recorded in New York - March 12, 1936 B3 to B6 recorded in New York - June 14, 1937 A3: Typo on back cover "Thirtyfith & Calumet" LP/vinile: in ottimo stato di conservazione Copertina: in buono stato (vedi foto) ATTENZIONE NON EFFETTUO SPEDIZIONI MA SOLO CONSEGNE A MANO A OSIO SOTTO ZONA STADIO Potrete constatare di persona la qualità del vinile prima di acquistarlo contattatemi per eventuali domande anche telefonicamente (Alessandro)

15 €

Auto da collezione De Agostini, 60 schede auto

Auto da collezione De Agostini, 60 schede auto

"Auto da Collezione" De Agostini Schede Vintage da Collezione Anno 1992 Lotto di 60 Schede "Auto da Collezione" della De Agostini Editore. Cartoncino lucido 14 X 14 Cm. Schede in Italiano . Scheda Tecnica e Breve Storia del Modello sul Retro con: - Caratteristiche Tecniche - Motore  - Trasmissione  - Sospensioni  - Freni  - Dimensioni  - Velocità Massima  Le schede delle Auto che riceverete sono le seguenti:  Austin-Healey: 3000 MK I e II  Facel Vega: HK 500  Buick: Roadmaster  Sunbeam: Alpine  Williams: FW07  Lancia: Stratos  Maserati: Tipo 63  Citroen: Traction Avant  Rolls-Royce: 40/50 Silver Ghost  Bentley: 3 Litre  Cadillac: Sixteen  Delahaye: Tipo 145  Hidson: Great Eight  Ford: Thunderbird  Ford: GT40  Chevrolet: Bel Air  Chevrolet: Corvette Stingray  Aston Martin: DB 4  Aston Martin: DBR1 e DBR2  Bmw: 2002 Turbo  Bmw: 328  Ferrari: 512 BB  Ferrari: Dino 246 GT  Ferrari: 250 GTO  Ferrari: 212 Export  Ferrari: 250 GT  Ferrari: F40  Ferrari: 365 GTB/4 Daytona  Bugatti: Tipo 41 Royale  Bugatti: Tipo 57  Jaguar: XK140  Jaguar: D-Type  Jaguar: XK150  Mercedes: 60  Mercedes Benz: 540K  Mercedes Benz: 300SL  Mercedes: 60  Alfa Romeo: 8C 2300  Alfa Romeo: 8C 2900  Alfa Romeo: Giulia Sprint Speciale  Talbot Lago: T26  Talbot Lago: SS  Porsche: 356  Porsche: 911S  Porsche: 911 Turbo 3 Litri  Lamborghini: Miura  Lamborghini: Countach  Isotta Fraschini: 8  Isotta Fraschini: KM  Duesenberg: Model J  Duesenberg: Special  Duesenberg: Model J Vendita dell'intero lotto, non vendo separatamente. Condizioni ottime come da foto. Ritiro di persona a Napoli Colli Aminei ma la spedizione è senz'altro possibile.

15 €

Histoire monumentale de la France par Anthyme Saint Paul, Hachette 1932

Histoire monumentale de la France par Anthyme Saint Paul, Hachette 1932

Histoire monumentale de la France par Anthyme Saint Paul, Hachette 1932; Illustré de 122 gravures. Excellent état avec de légères traces d’utilisation et de vieillissement malheureusement avec la signature de l’ancien propriétaire (voir photo); Format: 31 x 24 x 5 cm. Poids: 2,300 kg.Pages:280. Le regretté Anthyme Saint-Paul eu la joie avant de mourir de voir paraître une nouvelle édition de son Histoire monumentale de la France qui elle parut pour la première fois fut appréciée comme elle le méritait Nous rappelons les principales divisions de ouvrage : · aperçus généraux principes techniques le problème fondamental · les styles et leur chronologie · phase ou période latine · la Gaule païenne la Gaule chrétienne et les Mérovingiens · Charlemagne et les Carolingiens · période romane architecture romane et les églises · moines et monastères · architecture civile et architecture féodale · les écoles romanes période gothique · Suggérer les transitions et les premières églises gothiques · architecture gothique sous Philippe-Auguste et Saint-Louis · les premiers architectes gothiques et leurs contemporains · architecture gothique après Saint-Louis les cathédrales gothiques · architecture civile et architecture féodale époque gothique · architecture gothique dans les écoles régionales et étrangères · la Renaissance et art classique · la Renaissance et les derniers Valois · art classique et les Bourbons · un appendice intitulé archéologie médiévale et les monuments historiques Et un index des termes définis ou expliqués terminent ouvrage dont l’illustration abondante et fort bien choisie fournit une documentation des plus précieuses et de nature parfaitement à initier ceux qui veulent entreprendre l’étude de l’architecture en France ... Padova e provincia ritiro a mano (da concordare ) gratis. Le tariffe postali sono: - Corriere espresso. ..... €.8,99 consegna in un giorno lavorativo. - Raccomandata .........€. 7,10 sicura e tracciabile - Piego libri ordinario .........€. 5,10 non tracciabile quindi poco sicura.

30 €

(Importante Settecentina Lucca/Pisa)  ALEXANDRI POLITI…ORATIONES XII AD ACADEMIA

(Importante Settecentina Lucca/Pisa) ALEXANDRI POLITI…ORATIONES XII AD ACADEMIA

ALEXANDRI POLITI De Cl. Reg. Scholarum Piarum ORATIONES XII AD ACADEMIAM PISANAM. Luccæ, Ex Typographya Philippi Mariæ Benedini,1746. In-8° (cm. 20 x 15); pp. XX + 280. Testo in latino. Grande Stemma di Benedetto XIV con triregno e chiavi pontificie incrociate al frontespizio; numerosi bellissimi capilettera xilografici alla lettera dedicatoria e a ognuna delle XII Orazioni. Rilegatura originale coeva in piena pergamena rigida con titolo al dorso. Tagli marmorizzati. Fresco esemplare senza rimarchevoli pecche di quest’importante edizione delle celeberrime Orazioni tenute dal Puliti all’Accademia Pisana. POLITI (Puliti), Alessandro. – Nacque a Firenze 10 luglio 1679 con il nome di Alessandro Giuseppe Maria, da Giovanni e da Vittoria Manelli. Educato nelle scuole della Compagnia di Gesù della sua città, apprese il greco, il latino e l’ebraico dal padre Giacomo Ayroli, dotto orientalista, finché all’età di quindici anni entrò nell’Ordine delle Scuole pie fiorentine, assumendo il nome di Alessandro da San Sigismondo. In una lettera latina quasi autobiografica indirizzata al confratello Ludwig Bertrand Neumann nel 1751 (Soderini, 1770, p. 809) confidò quanto fin dalla prima adolescenza lo avesse appassionato lo studio dei classici, che sarà poi accompagnato da un iter di studi filosofici e teologici compiuti tra Firenze e Roma, dove ebbe incarichi di insegnamento. Per gli studenti nel 1708 dette alle stampe un compendio di filosofia peripatetica (Philosophia peripatetica ex mente S. Thomae Aquinatis per breves theses ad Aristotelicam methodum explicata…, Firenze 1708). Altrettanto avrebbe voluto fare per la teologia quando era lettore a Genova, ma il testo rimase inedito e risulta perduto. A riconoscimento dei suoi meriti, tuttavia, il cardinale Francesco Maria de’ Medici il 15 novembre 1707 lo nominò suo teologo. L’attività di Politi si rivolse ben presto soprattutto ad altri interessi. Nel 1709 nel collegio di S. Maria de’ Ricci, alla presenza del principe Gian Gastone de’ Medici e degli accademici Ferdinando Bartolomei, Federico Ricci, Anton Maria Salvini e Francesco Maria Salvadori, recitò un’orazione latina dal titolo Breviorem longe esse optimarum omnium artium quam humanae vitae cursum, nella quale si esortano i giovani ad apprendere molte discipline con l’ausilio delle lingue ebraica, greca e latina. In questa prima orazione Politi ricorda oltre agli autori classici anche i letterati fiorentini, da Dante a Francesco Guicciardini, da Marsilio Ficino a Pier Vettori fino ai contemporanei Benedetto Averani e Vincenzo Da Filicaia. Conclusasi con l’elogio della casa Medici e delle famiglie fiorentine distintesi nelle lettere l’orazione, stampata una prima volta nel 1709, preannuncia l’impegno in seguito profuso da Politi nell’insegnamento del greco e delle lettere umane nell’Università di Pisa, dove insegnò dal 1733 al 1752, occupando la cattedra che era stata tenuta da Benedetto Averani. Come richiesto da questo ruolo, per un’antica tradizione rinnovatasi al tempo del provveditore dello Studio pisano Gaspare Cerati, Politi recitò in apertura dei suoi corsi una serie di orazioni latine, che, con dedica a patrizi e letterati fiorentini e toscani, furono stampate separatamente in varie occasioni e anche in raccolte parziali nel 1742 a Roma con dedica al papa Benedetto XIV, nel 1746 a Lucca e nel 1759 a Breslavia, prima che fossero riunite in un unico volume uscito postumo (Orationes omnes…, Firenze 1772). Gli argomenti ricorrenti, oltre agli elogi della dinastia medicea e della dinastia lorenese, sono rivolti a incitare gli studenti allo studio del greco come fondamentale per l’apprendimento di ogni altra disciplina, dalla retorica alla medicina, alla teologia, collocandosi così sulla scia del rinnovamento di questo studio riportato in auge a Firenze dall’amico Anton Maria Salvini. Quasi tutte le orazioni, a eccezione di quelle dedicate all’elogio delle città di Pisa (definita Museum Etruriae), Volterra, Livorno, San Miniato, Arezzo e Cortona, sono improntate al metodo da seguire negli studi. Particolarmente congeniale al profilo di Politi è l’orazione dedicata all’arcivescovo di Firenze Francesco Incontri De lectionis assiduitate, nella quale, oltre all’ausilio dei precettori, l’autore sostiene come importantissima per la formazione la lettura dei libri sia antichi sia più recenti. Questa orazione fu particolarmente apprezzata da Angelo Fabroni, che non risparmiò qualche critica allo stile retorico dell’autore (1795, pp. 211 s.). L’amore per i libri coltivato da Politi, che si procurò in gran numero edizioni di classici latini e greci non presenti nelle biblioteche fiorentine, è testimoniato dalle numerose note di acquisti fatti soprattutto sul mercato veneziano a partire dal 1725, nonché dai rapporti avuti con gli inglesi residenti in Toscana, Henry Newton, George Jackson e John Gibson, eruditi e bibliofili con i quali Politi ebbe commercio epistolare e ai quali fornì consigli per le loro biblioteche, ricevendo supporto per le sue imprese editoriali. Con l’appoggio del giureconsulto Henrick Brenckmann Politi tentò anche di editare in Olanda un suo piccolo libro composto a istanza dell’amico canonico Salvino Salvini e a lui dedicato, De patria in testamentis condendis potestate. Fu poi il fratello del Politi, Carlo, a darlo alle stampe con ulteriore dedica al patrizio e senatore veneziano Ludovico Pisano procuratore di S. Marco (Firenze 1712). Giudicata opera imperfetta per non essere l’autore considerato un esperto di materie giuridiche, ebbe tuttavia un certo successo tanto da essere inserita, forse grazie al Brenckmann, nel Novus Thesaurus juris civili et canonici edito da Gerard Meerman in sette volumi in folio usciti all’Aja tra il 1751 e il 1753, secondo la notizia che ne dà Giovanni Lami nell’elogio dei Politi (Novelle letterarie fiorentine, 1752, col. 563). Sempre a corto di denaro per i suoi progetti e gli acquisti di libri e manoscritti, Politi si rammaricò molto di non aver potuto acquistare il codice greco delle Opere di Platone, risalente al X secolo, posseduto dai padri certosini di Firenze e che poi fu venduto all’imperatore Carlo VI tramite il suo bibliotecario Alessandro Riccardi. Il codice era ben noto sia a Scipione Maffei sia ad Anton Maria Salvini e fu illustrato da Lami (Novelle letterarie fiorentine, 1752, coll. 561 s.). L’impresa principale di Politi fu la traduzione dal greco al latino del commento con cui nel XII secolo Eustazio, professore di retorica e diacono della chiesa di Costantinopoli e poi arcivescovo di Tessalonica, aveva illustrato i poemi omerici. Politi fin dal 1717 aveva sottoposto a Benedetto Bresciani due passi del commento di Eustazio all’Iliade per avere un parere sulla emendazione che ne intendeva fare (Firenze, Biblioteca Marucelliana, Mss., A.LXXV, cc. 332r-333r, lettera di Politi a Benedetto Bresciani, Genova, 4 dicembre 1717). Nel 1723 sulle pagine del Giornale de’ letterati di Venezia si annunciò lo specimen dell’opera con dedica a Gian Gastone de’ Medici, inserito in coda ad alcune orazioni di Politi e del confratello Ubaldo Mignoni (Orationes duae pro Solemni Instauratione Studiorum […] item Breve Specimen Eustathii nunc primum Latine versi ab Alexandro Polito cum notis ejusdem et Antonii M. Salvini, Firenze 1723, pp. 59-104). L’edizione fu poi data alla luce in tre volumi in folio nel 1730, 1732 e 1735 con dediche a Gian Gastone de’ Medici, a papa Clemente XII e a Luigi XV re di Francia e fu corredata di note di Politi e di Salvini. Il testo del commento, presentato con l’originale greco e la traduzione latina, è preceduto da ricchi paratesti in versi e in prosa, di cui alcuni meritevoli di attenzione ripercorrono la storia della trasmissione e collazione dei codici di Eustazio, nonché dalle Vite di Omero scritte dagli umanisti fiorentini dei secoli XV-XVI, Pellegrino degli Agli e Pier Vettori (Eustathii […] Commentarii in Homeri Iliadem, Firenze 1730-35). La pubblicazione, nonostante l’appoggio degli amici inglesi, si arrestò ai primi cinque libri dell’Iliade per difficoltà finanziarie e per essere stato l’autore «enormemente tradito» dagli stampatori fiorentini come confidava in una lettera ad Anton Francesco Gori, suo allievo (Firenze, Biblioteca Marucelliana, Mss., B.VII.26, c. 377r, Pisa, 19 dicembre 1746). Nel 1739 Politi diede alla luce una lettera rivolta all’avvocato Gaetano Moniglia, professore nello Studio fiorentino (Epistola ad Caietanum Moniliama Virum Clarissimum, Firenze) per discutere un passo di Eustazio, dove si dice che il Tarsi delle S. Scritture potrebbe non essere Tarso di Cilicia, ma Cartagine, argomento che portò Politi a criticare anche alcuni esegeti di fama come il domenicano Noël Alexandre, suscitando la critica di Lami, alla quale Politi reagì con disgusto e diffidenza, dimostrata «con la maggiore dissimulazione del mondo» (cfr. Novelle letterarie fiorentine, 4 marzo 1740, coll. 145-147, 209; 15 settembre 1752, col. 577). Molti studi condotti da Politi per illustrare Marziale, Lucrezio, Erodoto, gli Etimologici di Andromaco e Stefano Bizantino, rimasero inediti, così come rimasero inedite varie note sulla vita e le opere di Angelo Poliziano tratte dai codici della Libreria Riccardi (cfr. Perosa, 2000, p. 20). Furono invece pubblicati alcuni scritti riguardanti Dionisio Periegeta, nei quali Politi mostrò tutta la sua erudizione storica e filologica, formando un’ampia sintesi delle origini della geografia, della cartografia e dei suoi autori: gli Eustathii Commentarii in Dyonsium Periegetam […] (Ginevra 1741) contenenti anche la traduzione del poemetto di Dionisio, De situ orbis, preceduta da una prefazione al lettore dove sono aspramente confutate le traduzioni latine del commento comparse nel XVI secolo. Politi dichiara di aver fatto emendazioni corrette grazie a codici manoscritti, di cui uno era in suo possesso e l’altro apparteneva all’amico Gaetano Moniglia. E infine le Animadversiones in Eustathium ad Dyonisium Periegetam libri duo pubblicate insieme con le Orationes octo ad Academiam Pisanam (Roma 1742). Cause finanziarie gli impedirono di realizzare anche a Firenze un’edizione completa dell’opera di Dionisio e del commento. Nel frattempo Politi aveva pensato di promuovere l’edizione dell’Opera omnia del filologo olandese Jan Meurss, che fu poi Giovanni Lami a portare avanti dal 1741 al 1763 in dodici tomi. Nei prolegomeni al primo tomo Lami pubblicò una dissertazione di Politi sull’uso delle quadrighe presso gli antichi, mentre la difesa che questi fece di s. Gregorio Nazanzieno contro le critiche di Meurss fu pubblicata nel tomo VII delle Symbolae litterariae di Anton Francesco Gori uscite in dieci volumi tra il 1748 e il 1753, dove trovarono posto altre dissertazioni di Politi. Interessatosi da tempo al martirologio romano curato dal cardinale Cesare Baronio, che Politi giudicava non buon conoscitore del greco, ne anticipò alcune correzioni nella lettera latina indirizzata a Ubaldo Mignoni, che gli aveva richiesto notizie sulla vera patria dei martiri bolognesi Ermete, Aggeo e Caio inseriti nel martirologio del 4 gennaio. L’epistola è posta in appendice a dodici orazioni dedicate dall’autore al papa Benedetto XIV (Orationes XII ad Academiam Pisanam […] accedit Alexandri Politi de tribus martyribus bononiensibus Ad Ubaldum Mignonium Vir. Cl. Epistola, Lucca 1746, pp. 271ss.). La captatio benevolentiae di questa dedica e la fama ormai raggiunta da Politi fecero sì che il papa, incontratolo a Roma nel 1748, gli chiese di intervenire nella correzione del martirologio di cui però uscirà soltanto il volume relativo al mese di gennaio con dedica al pontefice (Firenze 1751). Fra le opere di Politi soltanto due furono composte o ristampate in volgare: la Vita della serva di Dio suor Maria Angiola Gini monaca professa nel monastero di San Matteo in Arcetri (Firenze 1738), commissionatagli dal senatore Ferrante Capponi e rivolta come esempio edificante alle giovani claustrali dei numerosi monasteri fiorentini; e la traduzione italiana di un panegirico già edito in latino: Panegirico […] all’Accademia pisana consacrato, al Senato e Popolo pisano…, Pisa 1745). Ritirato e permaloso, poco incline ad avere aperti contatti con gli studenti, nonostante che le sue opere conosciute e stampate all’estero gli procurassero rapporti epistolari con vari eruditi del tempo, Politi, terminato il suo incarico nell’Università di Pisa, tornò a Firenze il 24 giugno 1752. Già dall’ottobre 1751 aveva ottenuto da Benedetto XIV licenza di potersi ritirare nella casa professa di quella città, assistito da un sacerdote invece che da un laico, mentre furono respinte dal pontefice altre sue specifiche richieste che andavano contro le costituzioni dell’ordine. In seguito alla licenza concessagli con il breve di Clemente XII del 27 maggio 1732 Politi poté disporre liberamente dei libri e manoscritti da lui acquistati, tanto che, dopo la sua morte, questi passarono in eredità ai confratelli insieme ad alcuni oggetti personali, mentre i doppioni dei libri furono venduti per pagare alcuni censi e debiti. Morì a Firenze il 18 luglio 1752. [Maria Pia Paoli - Dizionario Biografico degli Italiani Treccani - Volume 84]

180 €

Questo sito utilizza cookie di profilazione. Puoi modificare le impostazioni dei cookie nel tuo browser. Informativa sulla privacy

Аccettare